Le Perle di Patry

Perle di saggezza e cazzate con le Perle

Posts from the ‘Di tutto un pò’ category

La dieta “disintossicante” per le “intolleranze”

La dieta, ormai è diventata una moda. Tutti, nella vita, prima o poi, la devono fare: chi per un motivo serio, chi per scherzo.  C’è chi si affida a medici esperti del settore, che il più delle volte sono esperti solo nel fregarci soldi, c’è chi si affida a consigli di amici e conoscenti, chi si inventa la dieta personale.  Tralasciando i problemi di salute, per i quali bisogna ricorrere, senza ombra di dubbio, al medico, credo personalmente, che per essere in forma, basterebbe alimentazione varia, attività fisica (compresa quella sessuale!!!) e rilassamento mentale.

Sinceramente non ho mai avuto problemi di sovrappeso, e comunque, quei chili in più, che si accumulano con il passare degli anni, non li ho vissuti come un problema. Il mio vagabondare nel mondo delle diete è cominciato dal fatto che alcuni alimenti mi davano vari disturbi. Così mi sono affacciata nel mondo delle intolleranze alimentari. Sembra che queste,  non siano riconosciute dalla medicina tradizionale, tranne la celiachia, e sinceramente non voglio nemmeno addentrarmi in un argomento sul quale non sarei in grado di esprimermi. Solo che io, non credo molto nella medicina e nei medici, quindi, svariati anni fa, ho cominciato a informarmi sui metodi alternativi, e sono andata a farmi il test sulle intolleranze alimentari, trovando subito giovamento, sul mio benessere fisico, escudendo gli alimenti che erano risultati non compatibili con il mio organismo,  e nel corso degli anni, svariate volte, sono ricorsa a questi test.

Navigando sul web, ho trovato una “dieta” per le intolleranze alimentari, che ho voluto provare, e che ormai ripeto a cadenza regolare. La caratteristica fondamentale è che i cibi vanno associati secondo un criterio preciso che rispetta la loro suddivisione in famiglie biologiche o gruppi. I cibi appartenenti alla stessa famiglia o gruppo, vanno assunti ogni 4 giorni,”a rotazione”. Ogni ciclo alimentare è composto quindi di 4 giorni. La stessa vale per i gruppi alimentari. Se il primo giorno a pranzo  si consumano i latticini, nei 3 giorni seguenti non si potrà mangiare carne di bovino che appartiene allo stesso gruppo, ma si potrà assumere solo dopo 4 giorni.

LE FAMIGLIE BIOLOGICHE

GRAMINACEE: avena, bambù, canna da zucchero, farro, gramigna, grano, grano saraceno, mais, malto, miglio, orzo, riso, segale.

ROSACEE: albicocche, ciliegie, cotogne, fragole, lamponi, mandorle, mele, more, nespole, pere, pesche, prugne, susine.

SOLANACEE: cayenna, melanzane, paprica, patata, peperoncino, peperone, pomodoro, tabacco. RUTACEE: arancia, bergamotto, cedro, chinotto, lime, limone, mandarino, pompelmo.

CRUCIFERE: cavolo broccolo, cavolo cappuccio, cavoletto di Bruxelles, cavolfiore, cavolo verza, crescione, mostarda, rapa, ravanello, rucola, senape bianca.

CHENOPODIACEE: barbabietola da zucchero, bietole, bietolone rosso, spinaci, porri.

OMBRELLIFERE: anice, carota, coriandolo, cumino, finocchio, prezzemolo, sedano.

LABIATE: basilico, maggiorana, origano, rosmarino, timo.

LEGUMINOSE: arachidi, ceci, carrube, fagioli, fave, lenticchie, liquirizia, lupini, piselli, soia, tamarindo. CUCURBITACEE:cetriolo, cocomero, melone estivo e invernale, zucca, zucchina.

COMPOSITE: camomilla, carciofo, cicoria, girasole, lattuga.

MUSACEE: banane.

VITACEE: ribes nero e rosso, uva spina, uva rossa e bianca.

LILIACEE: aglio, asparagi, cipolla.

LAURACEE: alloro, avocado, cannella.

I GRUPPI ALIMENTARI

GRUPPO 1: aceto, Funghi, lievito di birra, lievito per il pane, muffe.

GRUPPO 2: carne di maiale, lardo, strutto, salumi, prosciutto.

GRUPPO 3: latte, latticini, bovini, agnello, salumi contenenti lattosio.

GRUPPO 4: uova, pollo, galletto, faraona.

GRUPPO A SÉ PESCI: rombo, spigola, cernia, pesce spada, orata, dentice, nasello, palombo, coda di rospo, pescatrice.

GRUPPO A SÉ CARNI: tacchino, coniglio, cavallo, selvaggina.

I singoli pesci e le singole carni non inseriti in alcun gruppo non interferiscono con altri alimenti. Quindi è possibile mangiarli tutti i giorni. Si può ad esempio consumare rombo il primo giorno di dieta, spigola il secondo, palombo il terzo e così via. lo stesso discorso vale anche per le carni non inserite in alcun gruppo alimentare.

Questa dieta ha  un elevato potere disintossicante, è possibile, quindi, che  nel primo periodo in cui viene seguita provochi alcuni piccoli fastidi.  Questi sono i principali disturbi  che generalmente  io riscontro i primi quattro/cinque  giorni: bocca amara al mattino, cefalea,  insonnia, alternata a sonnolenza, diarrea alternata a stitichezza,  singhiozzo. Questi eventuali effetti non devono allarmare perché sono la conseguenza della disintossicazione in corso.

Quello che più mi piace di questa dieta, è che non c’è bisogno di pesare niente. Tutto quello che mangio, lo posso mangiare  a dismisura, come se non ci fosse un domani, basta rispettare le regole sopra descritte. I risultati, sono sempre stati soddisfacenti, non tanto per i due/tre chilogrammi che riesco a perdere in sedici giorni, ma per un  miglioramento generale del mio organismo che va dall”eliminazione dell’effetto “palloncino” alla pancia, al sonno tranquillo, al recupero totale delle energie psico-fisiche. Ed è una bella soddisfazione!

Ed ecco un esempio di dieta giornaliera: questa è quella che di solito uso io. Ricordo che è importantissimo bere molta acqua (questo anche quando non facciamo diete!) succhi di frutta non zuccherati e tisane.

PRIMO CICLO

PRIMO GIORNO
h. 8.00 (rosacee: albicocche, ciliegie, cotogne, fragole, lamponi, mandorle, mele, more, nespole, pere, pesche, prugne, susine.); tisana, a scelta tra malva, verbena, finocchio, ortica.
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 pollo, possibilmente petto, alla griglia (gruppo 4); insalata in foglie (composite: camomilla, carciofo, cicoria, girasole, lattuga. )
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 pasta (graminacee: avena, bambù, canna da zucchero, farro, gramigna, grano, grano saraceno, mais, malto, miglio, orzo, riso, segale.) condita con olio; carciofi o radicchio (composite)

SECONDO GIORNO
h. 8.00 mandarini (rutacee: arancia, bergamotto, cedro, chinotto, lime, limone, mandarino, pompelmo.); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 sogliola bollita (gruppo a sé); carote (ombrellifere: : anice, carota, coriandolo, cumino, finocchio, prezzemolo, sedano.)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 piselli cotti in tegame con un po’ d’olio (leguminose: arachidi, ceci, carrube, fagioli, fave, lenticchie, liquirizia, lupini, piselli, soia, tamarindo.); finocchi (ombrellifere)

TERZO GIORNO
h. 8.00 melone d’inverno (cucurbitacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 tacchino, preferibilmente petto, alla griglia (gruppo a sé); bietole al vapore (chenopodiacee)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 patate bollite (solanacee); zucchine cotte in tegame con poco olio (cucurbitacee).

QUARTO GIORNO
h. 8.00 banane (musacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 carne di manzo alla griglia (gruppo 3); cavoletti di Bruxelles al vapore (crucifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 verza in insalata o stufata con un po’ d’acqua in padella (crucifere); cipolle bollite (liliacee).

SECONDO CICLO

QUINTO GIORNO
h. 8.00 mele (rosacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta dì agrumi
h. 14.00 2 uova sode, alla coque o in camicia (gruppo 4); insalata di lattuga(composite) h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 riso bollito condito con olio (graminacee); insalata di cicoria (composite)

SESTO GIORNO
h. 8.00 arance (rutacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 orata al cartoccio (gruppo a sé); finocchi al vapore (ombrellifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 lenticchie bollite (leguminose); sedano e carote in pinzimonio (ombrellifere)

SETTIMO GIORNO
h. 8.00 uva (vitacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 pesce spada alla griglia (gruppo a sé); spinaci al vapore (chenopodiacee)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 pomodori in insalata (solanacee); zucca cotta al forno o lessata (cucurbitacee)

OTTAVO GIORNO
h. 8.00 banane (musacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 ricotta, fior di latte o fiocchi di latte (gruppo 3); cavolfiore al vapore (crucifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 broccoli al vapore (crucifere); asparagi cotti al vapore o in padella con poco olio (liliacee)

TERZO CICLO

NONO GIORNO
h. 8.00 frutti di bosco misti al naturale (rosacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 galletto alla griglia (gruppo 4); insalata verde (composite)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 orzo o farro bolliti e conditi con olio a crudo (graminacee); carciofi al vapore (composite)

DECIMO GIORNO
h. 8.00 pompelmi (rutacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 nasello bollito o al cartoccio (gruppo a sé) con trito di prezzemolo (ombrellifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 fagioli di soia bolliti o germogli di soia conditi con olio (leguminose); carote al vapore con aceto di mele (ombrellifere)

UNDICESIMO GIORNO
h. 8.00 melone (cucurbitacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 coniglio cotto in tegame (gruppo a sé); barbabietole rosse al forno(chenopodiacee)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 patate bollite (solanacee); zucchine cotte in tegame con olio (cucurbitacee)

DODICESIMO GIORNO
h. 8.00 banane (musacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11 .00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 carne di agnello alla griglia (gruppo 3); crescione in insalata (crucifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 insalata di rucola (crucifere); cipolle bollite o cotte al forno (liliacee)

QUARTO CICLO

TREDICESIMO GIORNO
h. 8.00 pere (rosacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumí
h. 14.00 prosciutto crudo privato del grasso (gruppo 2); insalata di cicoria (composite) h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 200.00 pasta condita con olio e aromi (graminacee); carciofi crudi o cotti al vapore (composite)

QUATTORDICESIMO GIORNO
h. 8.00 mandarini (rutacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 rombo al forno (gruppo a sé); finocchi crudi o cotti al vapore (ombrellifere) h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 ceci bolliti (leguminose) in insalata con sedano e carote crudi (ombrellifere)

QUINDICESIMO GIORNO
h. 8.00 ribes (cucurbitacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 spremuta di agrumi
h. 14.00 petto di tacchino alla griglia (gruppo a sé); bietole e porri al vapore (chenopodiacee)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 ratatuille preparata con peperoni, melanzane, patate (solanacee) e zucchine (cucurbitacee)

SEDICESIMO GIORNO
h. 8.00 banane (musacee); tisana (vedi primo giorno)
h. 11.00 succo di frutta senza zucchero
h. 14.00 carne di manzo o vitellone cotta alla griglia (gruppo 3); cavolfiore al vapore (crucifere)
h. 17.00 spremuta di agrumi o succo di frutta senza zucchero
h. 20.00 rape bollite condite con aceto di mele o succo di limone (crucifere); asparagi cotti in padella (liliacee)

 

Un post ‘particolare’: Liebster Award 4.0!

liebsteraward1

Un ringraziamento particolare a Barbara, per avermi scelto per questo premio speciale, e al suo blog davvero interessante: fengshuipretaporter

Sono davvero felice di questo premio, io che sono una blogger appena nata, io che ho ancora tutto da imparare.

Il Liebster Award è un premio, ideato in Germania,che viene attribuito dai blogger ad altri blogger.Ha lo scopo di far conoscere i nuovi blog più promettenti ed è accompagnato da 10 domande a cui rispondere per farsi conoscere meglio.

Le regole sono queste:

1. Ringraziare il blog che ti ha nominato

2. Rispondere a 10 domande

3. Scegliere 10 blog da nominare

4. Porre 10 domande

5. Comunicare la nomina ai 10 blog scelti

 

Bene allora cominciamo. Queste sono le mie risposte:

1. Qual è l’argomento principale di cui parla il tuo blog?

I miei pensieri, le mie emozioni, il mio modo di vivere e di pensare. Ma soprattutto la mia fantasia.

2. Descriviti con 3 aggettivi

Solare. Colorata. Testarda.

3. Come ti vedi tra 10 anni?

Sempre più solare. Sempre più colorata. Sempre più testarda.

4. Cosa cambieresti della tua città?

Niente. In fondo è bella così: con i suoi pregi e i suoi tanti difetti.

5. Qual è il piatto a cui non rinunceresti per nulla al mondo?

Non c’è un piatto in particolare. Vado a periodi. Una cosa che non posso fare a meno, è sicuramente il dolce.

6. Hai mai detto: … mi ha cambiato la vita? Se sì, in quale occasione?

Senza ombra di dubbio chi mi ha cambiato la vita è stata la mia psicologa, che in quattro anni ha tirato fuori la vera me stessa.

7. Consiglia un libro ai tuoi lettori e spiega la motivazione.

“IL MAGICO POTERE DELLA VOSTRA MENTE” di Walter M. Germain. Semplicemente perché apre la porta di un meraviglioso mondo.

8. Qual è stato, finora, il giorno più bello della tua vita?

Sono due i giorni bellissimi che non si possono paragonare a nessun altro giorno bello. Sono i giorni in cui sono nate le mie figlie.

9. Immagina di poter trascorrere la serata con chi vuoi tu (anche personaggi famosi). Chi sceglieresti?

Domanda quasi superflua per chi mi conosce: Luciano Ligabue.

10. Esprimi un desiderio.

Il desiderio più grande è quello di realizzare tutti i miei desideri.

Io vorrei premiare:

  1. catenadismontaggio
  2. nonsonounablogger
  3. iolamiavitaewendy
  4. sonosoloparolestonate
  5. occhioprivato 
  6. lacucchiara
  7. viaggizuccherini
  8. blogdolcesara
  9. foglienelvento
  10. trentanniequalcosa

E queste le dieci domande per voi:

1. Qual è l’argomento principale di cui parla il tuo blog? 

2. Descriviti con 3 aggettivi

3. Il pensiero più ricorrente prima di addormentarti.

4. Dove vorresti vivere?

5. Il tuo libro preferito e perché.

6. C’è qualcosa che vorresti cambiare del tuo aspetto fisico?

7. E c’è qualcosa che vorresti cambiare del tuo carattere?

8. Hai un rimorso? E un rimpianto? se si quali?

9. Descrivici il tuo viaggio ideale.

10. L’amore è?

L’AMICIZIA

Amicizia. Gran bella parola. Ma non tutti ne conoscono il significato più profondo.

Legame sentimentale basato su affinità di idee e stima reciproca.  Reciproco affetto tra due o più persone, generato da affinità spirituali e da stima. Vivo e scambievole affetto fra due o più persone, ispirato in genere da affinità di sentimenti e da reciproca stima. Legame tra persone basato su affinità di sentimenti, schiettezza, disinteresse e reciproca stima. ima.

Queste sono solo alcune delle definizioni, trovate qua e la, sui vari dizionari online. Come potete notare, tutte le definizioni hanno in comune alcune parole: affetto, affinità , stima.

Affetto: sentimento benevolo verso una persona o una cosa

Affinità: somiglianza, analogia.

Stima:opinione favorevole, considerazione positiva.

Affetto, è ovvio… L’amicizia è affetto puro, o almeno lo dovrebbe essere. Stima. Ovvia anche questa. Non si può essere amico di una persona che non si stima. Affinità. Forse qui avrei qualcosa da ridire. Qualche sera fa, ero a cena con due persone, che a mio parere sono completamente diverse: gusti, modo di vestire, modo di parlare. Due persone completamente opposte insomma. Ma sono amiche da una vita. E’ proprio osservando loro, che mi sono messa a riflettere. Credo che alla base di una bella e sana amicizia ci sia, senza ombra di dubbio il rispetto. Il rispetto verso l’altra persona è fondamentale.  E la completa assenza  di invidia. Che tra due donne è veramente una cosa quasi impossibile.

Parlo naturalmente per esperienza personale. Ho avuto molte delusioni, sul piano dell’amicizia, dalla parte femminile. A parte,  qualche rara eccezione, che vorrei veramente osannare, come l’amica che sarebbe disposta a prestarmi la sua casa, o l’altra che conserva ancora con infinito amore il biglietto con scritto “usa la strategia del Sutra di Loto prima di ogni altra”.

Si ebbene si, devo dire che i miei migliori amici sono uomini. Sappiamo benissimo cosa cercano gli uomini da una donna. Di conseguenza ci possiamo difendere. (O quasi, ma questa è un’altra storia)

Le donne invece, pugnalano sempre alle spalle. Se  racconti loro un segreto, alla prima occasione, lo usano contro di te. Gli uomini, da questo punto di vista sono molto, ma molto di più leali. Superato il momento del “testosterone a palla”  possono essere degli amici indissolubili.

Ma il rispetto, è fondamentale. E non solo nell’amicizia.

Questione di misure!

L’altra sera, mentre tornavo a casa in auto, ascoltavo un  programmino niente male. Parlavano di pene…. si proprio di quello. Precisamente di misure.  Chiedevano se le misure contano.  Secondo gli standard le misure “medie” sono di 9 cm a riposo, 13 cm e qualcosa in erezione. Ha telefonato un tizio che diceva che le misure non contano perchè le donne che sono state con lui, sono rimaste tutte soddisfatte.Il tizio, ha affermato che il suo in erezione arriva a 6/7 cm.  Come dice qualcuno, la domanda sorge spontanea…. Facciamo una premessa: ogni donna ha i suoi gusti, e le sue misure preferite. Rubo la citazione di un’amica che dice che non conta la lunghezza del chiodo ma da come batte il martello. Va bene, le misure non sono importanti.  Ma a uno che  si presenta con questi 6/7 cm, che gli vuoi dire?

Restiamo amici? Noooo!!! Perchè gli amici a volte potrebbero diventare amici scopanti.

Quindi è meglio troncare ogni tipo di rapporto per non imbattersi in scene di panico e di disperazione.